CreativaMente ToKalon è il progetto nato 3 anni fa insieme ai docenti dell’ Associazione ToKalon, ente formativo accreditato M.I.U.R. che da più di 10 anni sperimenta il gioco come strumento quotidiano dell’attività didattica.

Lo scopo di questo progetto è affermare il valore formativo del gioco e diffonderne l’utilizzo consapevole nella didattica.

Questa è LA SCUOLA CHE VOGLIAMO.

IL VALORE DEL GIOCO NELLA DIDATTICA

Giocare a scuola:

  • favorisce lo sviluppo di un atteggiamento positivo nei confronti della disciplina studiata;
  • migliora le relazioni all’interno del gruppo classe;
  • aumenta la familiarità con i concetti elementari della disciplina in gioco;
  • valorizza la libertà di sbagliare;
  • accresce l’autostima;
  • permette l’apprendimento per scoperta;
  • insegna la cooperazione e il lavoro di squadra;
  • permette di affrontare più serenamente la fatica per ottenere un risultato;
  • educa al rispetto delle regole (giocare è una “cosa seria”);
  • educa alla conoscenza dell’altro: all’ascolto delle sue idee, al rispetto dei suoi tempi, all’osservazione delle sue “strategie”.

Giocare a scuola ha un valore aggiunto per tutti, per piccoli e grandi. Per il mondo dei bambini, questo è immediato da comprendere. Per gli studenti più grandi è un’occasione per ritrovare una chiave diversa per risolvere problemi, una chiave che l’astrazione non può dare. Dopo una certa età, infatti, i ragazzi non hanno più l’occasione di sperimentare l’approccio ludico a scuola. CreativaMente ToKalon desidera far riscoprire questa modalità anche ai ragazzi più grandi. Non è un caso che quesiti manipolativi siano più difficili per gli studenti della Scuola Secondaria rispetto a quelli della Primaria.

Il gioco costituisce, inoltre, una possibilità di grande efficacia per il docente per aiutarlo ad arricchire e variare i suoi approcci didattici. È, infatti, importante e doveroso, per educatori e insegnanti, imparare ad offrire una varietà di approcci alla didattica in classe. La varietà spaventa, ma né stanca né confonde gli allievi, bensì favorisce un ritmo in cui l’interesse è desto, permette di prevedere momenti più intensi e momenti di ripensamento, di elaborazione, di riposo.

 Scarica la nostra brochure per maggiori informazioni.

Pin It on Pinterest

Share This
preloader