PREFAZIONE della Responsabile Didattica

Molte persone spesso usano due parole molto diverse tra loro come se fossero uguali: apprendimento e istruzione. In realtà apprendimento significa acquisizione di una conoscenza, mentre istruzione significa apprendimento formale guidato da un insegnante.

Dato che l'istruzione inizia all'età di sei anni, generalmente si ritiene che anche l'apprendimento debba iniziare a quell'età. Invece è un errore, perché l'apprendimento inizia con la nascita. Forse non tutti sanno che all'età di sei anni un bambino ha già appreso più di quanto imparerà nel resto della sua vita!
Dopo i sei anni le strutture cerebrali, inclusa quella del linguaggio, giungono a maturazione e non sono più modificabili. Ma allora dopo i sei anni non si può più insegnare una seconda lingua?... Certo che sì. Esiste però una distinzione tra "bilingue precoce" e "bilingue tardivo". Il cervello di questi bambini funziona in modo diverso. Nell'uso delle lingue il bilingue precoce attiva sempre e comunque la stessa zona del cervello: quella dove si trovano le strutture cerebrali preposte all'analisi dei suoni, al riconoscimento della sintassi e all'apprendimento naturale di una lingua. In questi bambini le reti neuronali che presiedono al linguaggio si sviluppano parallelamente per entrambe le lingue, in un periodo della vita in cui la plasticità del sistema nervoso è massima. Nei bilingui tardivi, invece, verranno adattate altre zone cerebrali, e da ciò deriva la difficoltà comune a tutti nell'apprendere una seconda lingua e di padroneggiarla perfettamente.

Le lezioni settimanali non sono sufficienti per far apprendere la lingua Inglese, ma ci vuole tanta esposizione alla lingua per permettere ai bambini di sollecitare la memoria... ma voi genitori a casa potete fare tantissimo. Create un luogo, o un momento, dove giocare con il vostro bambino in inglese. Utilizzate un personaggio fantastico così che non siate voi a parlare in lingua al bambino ma quel personaggio... una papera per il bagno o un mestolo per la cucina. Ad esempio: nella casetta sotto il tavolo si parla così, mentre in bagno si parla solo come parla Little Duck.
Non aggiungo altro... avete già capito tutto: date libero spazio alla vostra fantasia.

E' così che è nata l'idea dei giochi di questa collana, e il nome che abbiamo scelto - GROW YOUR ENGLISH: fai crescere e coltiva il tuo inglese - è davvero appropriato. Sono uno strumento in più per esporre alla lingua e sollecitare la memoria. Con il vantaggio che quando lo strumento è un gioco... con i bambini è tutto più facile!

Questi giochi nascono da una lunga esperienza d’insegnamento e di studio sul bilinguismo e sulla didattica e offrono, nella loro specificità, uno strumento efficace per insegnare la lingua Inglese ai bambini favorendo altresì processi di sviluppo della dimensione relazionale-affettiva. La Metodologia alla base di questi giochi consente di affrontare in modo naturale e familiare lo studio di una lingua e di coinvolgere il bambino in modo sereno e stimolante.

I diversi giochi che si possono fare con il ricco contenuto delle due scatole accompagneranno il bambino dal suo primissimo approccio con la lingua Inglese, possibile già dai 3 anni - con l’obiettivo di riconoscere e nominare i vocaboli - fino ai 9 anni o più, con la lettura e lo spelling. Sarà un apprendimento graduale e gratificante dove sarà il bambino stesso che, quando si sentirà pronto, deciderà di tentare il livello di gioco successivo e più complesso, passando ad esempio dalla più semplice Tombola al più difficile Memory. La scatola crescerà con lui, guidandolo e rendendolo sempre più autonomo in ambito linguistico.